24 Lug 2009 @ 1:18 AM 

Ho apprezzato l’iniziativa del 14 luglio scorso, non si farà mai troppo per contrastare il decreto Alf-ano, per contrastare un governo che spudoratamente dice di agire in nome della "libertà", e sappiamo la libertà di chi…
Tuttavia penso che la risposta a chi, da una parte approva una legge contro le intercettazioni al premier  arcorense (…al ministero del condom e affiliati) e dall’altra vorrebbe approvarne un’altra per limitare il libero uso del telefono a tutti gli altri cittadini, meriti una risposta almeno uguale ed opposta…
Ad un tentativo di golpe, alla dittatura latente, si risponde con la resistenza… Se ronde ci devono essere che siano ronde che vigilino sul governo, prima che sia troppo tardi e la dittatura diventi palese e irreversibile.
Già qualche anno fa ebbi occasionre di far notare come il Membro supremo attentasse alla democrazia, oggi, complice un popolino di triste memoria, la sua azione si fa sempre più spudorata… Ormai il "conflitto di interessi" è diventato un fatto accettato da questa repubblica delle bananas, si fanno cose ben più gravi e incontrastate, opposizione zero… mi fa pena il povero indigente Fassino (ormai liberale malagodiano) che per esprimere una contrarietà fa un giro di parole assurdo come se dovesse contrastare il consiglio di amministrazione dell’accademia della forca o di qualche circolo filosofico snob e non un governo di subdoli fascisti, non affatto in sonno, ma attivi.
Insomma penso che l’iniziativa del 14 Luglio sia almeno servita a sensibilizzare i blogger rispetto al disegno liberticida di un governo che può stringere la mano in tal senso solo a quello iraniano.
Questo governo non solo ha fatto carta straccia della costituzione, imavagliando gli altri poteri centrali dello stato, ma sta negando anche i fondamentali diritti civili, di associazione e della persona.
Non è necessaria dunque una battaglietta e timidi slogan: le cose bisogna chiamarle con il proprio nome.
I blogger dunque non siano la trasfigurazione di Fassino e di altri come lui, non si potrà incidere contro il decreto anti-internet – che è solo uno degli atti generali contro la libertà di stampa, ormai ampiamente negata (basti vedere l’ossequiosità di stampa e Tv, il lecchinaggio infinito nei confronti dell’impotente puttaniere di regime) – se si conduce una battaglia ritenendo di essere in una normale situazione democratica.
Siccome non è così, bisogna passare dalla difesa all’attacco. E’ necessario in qualche modo sostituirsi a quella parte di parlamento che è stato eletto per contrastare l’opera del pseudo-duce e adottare tutti gli strumenti necessari a ripristinare le libertà e la democrazia.
L’unica arma di cui dispongo sono le mie idee, ma i dittatori sanno che le idee sono più pericolose delle armi.
E’ necessaria una mobilitazione dei blogger dal basso, dalla base, con il passa parola, con il coinvolgere di blog in blog i propri contatti, e noi sappiamo cosa si può fare con questo sistema, con la rete, proprio quella che vorrebbero chiudere, attaccando per prime le voci vive, i web-log.
Organizziamo qualcosa di più forte per Ottobre, che comporti scendere in piazza ovunque, ma con rumore-rumore questa volta, non dobbiamo protestare contro la regina Elisabetta o i suoi lord…
Propongo a tutti i miei contatti, che elaborino idee e proposte, se vogliono con questo testo, parti o anche testi originali e le trasmettano a loro volta ai loro contatti e così via, in modo da creare una informazione e una volontà di lotta capillare che non potrà essere più fermata.
Il decreto Alfano si contrasta non più con il silenzio (che ha avuto il pregio di infromarci, allertarci), ma andando a toccare qualcosa che per il Grande capo possa essere scomodo… i suoi "non mi fanno paura", che significa che gli hanno già cambiato diverse volte il pannolone…
TROVIAMO SOPRATTUTTO UNA DATA IN CUI SI ALZI DAVVERO UN URLO DA OGNI BLOG, NON DI SILENZIO MA DI SCRITTURA SCOMODA, TESTO LIBERO O CONCORDATO, IN PARTE O MENO… PROVATE A IMMAGINARE UN GIORNO IN CUI OGNI BLOG HA UN NUOVO POST, THE BLOGGER DAY, COINVOLGIAMO TUTTE LE PIATTAFORME, I BLOG ESTERI, FACEBOOK, OGNI SITUAZIONE RAGGIUNGIBILE CON LA NOSTRA ADSL…
CONTO SU DI VOI PER L’AVVIO DI QUESTA RETE. SE SI VUOLE VINCERE, BISOGNA CREDERCI!
COMITATO "IL DECRETO METTITELO NELL’ALFANO".

(continua…) »

Scritto da: indian
Ultima modifica: 03 Giu 2013 @ 09:45 AM

EmailPermalinkCommenti (13)
Tags
 19 Mag 2006 @ 3:01 AM 


SU DISTINTI POLITICI D?OGGI… CI SCATARRO SU

16 dicembre 1992, da ?L’indipendente?
“Il segretario del Garofano ha ricevuto lunedì notte un avviso di garanzia per corruzione, ricettazione e violazione della legge sul finanziamento pubblico dei partiti. Lo inchiodano le testimonianze di Chiesa, Lodigiani e Ligresti. Lui reagisce parlando di aggressione politica e lascia capire che non si dimetterà…?
16 gennaio 1993, da ?Il Mattino?
“Allarme” tangentopoli anche dentro l’azienda di BERLUSCONI, per la corruzione della Guardia di Finanza con tangenti pagate da quattro società del gruppo. Il fratello di Silvio Berlusconi, Paolo, si auto accusa, dichiarando che era lui che aveva autorizzato gli anomali pagamenti. Ma nelle indagini che poi seguiranno gli inquirenti non crederanno alla sua versione, non la riterranno attendibile e rovesceranno la posizione; cioè, che il fratello non poteva essere all’oscuro dei gravi fatti che si addebitano alle quattro società coinvolte, perché – questo il giudizio espresso – l’onnipresente Silvio Berlusconi era lui al vertice delle quattro società, mentre il fratello era una figura marginale e comunque non con quell’autorità da poter decidere e disporre di somme considerevoli come quelle date nell’illegalità…”
(Silvio Berlusconi, dopo le elezioni politiche del ’94, formerà il governo e assumerà la carica di Presidente del Consiglio. Riceverà un avviso di garanzia. Dimissionario dopo un mese, con la caduta del suo governo, Berlusconi andrà sotto processo e il 7 luglio 1998 sarà condannato a due anni e nove mesi di reclusione).
I passi sopra riportati datano la mia nausea per la politica, o meglio, per la politica dei partiti corrotti dell?arco incostituzionale. Non è tanto tangentopoli che mi nauseva: come per lo scandalo Moggi-Galliani, quell?andazzo si conosceva da anni, ma nessuno aveva il coraggio di intervenire, di denunciare. Dunque, poteva farmi solo piacere che, finalmente, lo scandalo fosse esploso e che lentamente si facesse un po? di pulizia…
I motivi della nausea erano invece di due tipi:
il primo, scoprire che la matematica è davvero un?opinione… Insomma se ti crolla il mito del 2+2, è un dramma… e qui accadde che in pieno repulisti, non solo la gente premiò con il voto i partiti colpiti dallo scandalo (il primo caso di “corruzione democratica”! evidentemente si era diffusa in modo capillare), ma elesse l?eminenza grigia di tangentopoli, il grande vecchio, insomma il grande fratello (… di Paolo), a Presidente del Consiglio… Ricordo ancora, mesi prima, quella faccia sconosciuta che all?improvviso cominciò ad apparire nelle reti private, con quel sorriso da segugio, a convincerci che gli volevano chiudere Fininvest)…
La nausea per la politica derivava invece dal notare che, spariti pli, pri, psdi, dc, psi, la sinistra occupasse il loro spazio e, di fatto, si snaturasse (esemplare il percorso del PR: dall?alleanza con Lotta Continua a quella con il centro destra. Un salto del genere, non solo non potevano prevederlo i sociologi, ma nemmeno Giorgio Gaber… che teorizzava già da tempo gli scivoli partitici). L?ex-PCI (che sinceramente non mi era mai piaciuto) diventò un partito tra il socialdemocratico e il liberale, Rifondazione occupò lo spazio radical chic… restavano i verdi, “voce di uno che grida nel deserto”… ma le speranze di cambiare la società capitalista, classista, discriminatoria e via dicendo, crollarono.
Mi ricordai allora di essere sardo (lo sapevo già benissimo, ma è necessario un po’ di pathos), mi aggrappai alla speranza di riscatto della nostra terra; atto utilissimo, servì almeno a farmi accorgere meglio, di quanto lo stato italiano avesse occupato i vari settori della nostra vita e soprattutto le nostre coscienze… insomma anche i sardi sono “voce di uno che grida nel deserto.”
Altre speranze e altri ideali frustrati… Gli anni settanta sono stati anche anni di grandi speranze… Ora si può dire davvero che gli anni ottanta sono stati, invece, gli anni del riflusso, avvertito mentre avveniva e gli anni novanta, quelli della normalizzazione, in senso amerikano.
Ma torniamo a noi, parlavo della nausea con epicentro nel triennio 92-94… Ebbene, nell?ultima campagna elettorale e nel post-elezioni, alla nausea è subentrato il vomito… della serie ?Bravi sociologi. Avete sbagliato tutto? (Cor. Sera 28.2.1994).
Ma chiariamo, qui si tratta di vomiti ad personam, di vomiti dedicati, di vomiti eiettati dal sistema simpatico sulla faccia emesiaca di questi soggetti. Forse state pensando al Berlusca… no, no… lui al massimo provoca il conato, ma sul più bello ti fa esplodere in grottesche risate… si, perché il suo entourage ha grandi guitti e lui ne è il rex; un altro è ad esempio Galliani… (lui lo stomaco te lo centrifuga!!!)
Le facce da emesi sono altre, il Re è certamente quel Tremonti, i suoi principali vicari sono Calderoli e Vespa. Credo bastino i nomi; come per il confetto Falqui, basta la parola!
E? abbastanza evidente, a prima vista, l?arroganza viscida del primo, che è permanente, senza soluzione di continuità ed in sviluppo esponenziale; del maiale non me ne curo nemmeno; quanto all?ultimo, è davvero impunito, a parte la sua incapacità a camuffare il suo essere di parte, il suo viscidume… avete certamente assistito, almeno in parte, alla sua pesante attività iettatoria, irriguardosa e strisciante in ossequio al livore forzitaliota, in margine all?elezione dei presidenti di camera, senato e repubblica (supera anche Irene Pivetti, sulla quale stendiamo un velo…)
…Un vomito li seppellirà…
Riferimenti: …e il sole nascera?

Scritto da: indian
Ultima modifica: 23 Mag 2013 @ 02:31 PM

EmailPermalinkCommenti (46)
Tags
Tag: ,
Categorie: politica
 18 Ott 2005 @ 11:29 PM 


sulle PRIMARIE…

Cum-pane-r-os, domenica scorsa si sono svolte le primarie del centro-sinistra… non ho votato! …e fin qui nulla di strano per un estremista di sinistra, ma quello che voglio esternare è il motivo per cui non ho votato… e non è neanche una novità!
Anche nella cosidetta prima repubblica non era tutto rose e fiori… La sinistra revisionista pretendeva di egemonizzare tutti gli spazi e mendicava il compromesso con la DC… ma c’erano, alla non riconosciuta sua sinistra, fior di gruppi che ti restituivano l’ossigeno perduto.
Da diversi anni, se la politica della destra ti affoga, quella della sinistra ti asfissia.
Come ci si può appassionare a questa politica dove (a prescindere dalla variabile impazzita Berlusconi, che non è un caso politico, ma criminal/grottesco) i confini tra gli schieramenti, non solo non sono definiti, ma si intersecano… e sempre più a destra.
Se andiamo a fare un confronto, oggi i DS avallano uno stato sociale reazionario, che la DC non si era nemmeno sognata. Gli inciuci sono all’ordine del giorno… anche quel po’ di sinistra che era rimasta: rifondazione, i verdi, si sta facendo trascinare nell’oblio indifferenziato.
Restano poche voci che gridano nel deserto: pacifisti, no global, disobbedienti, resistenti… ma è stato fatto quasi il vuoto! per questo la candidatura Panzino è da vedere, non come tale, ma come strategia veicolante una presenza che deve valere sempre di più.
Non ho votato, dunque, perché ho rifiutato lo squallore di una sinistra che non è più tale e non ho voluto legittimarla con il mio voto, che sarebbe andato comunque alla Panzino, solo perché si è posta come segno di contraddizione, in difesa dei deboli, di coloro che anche la “sinistra” ignora.
Cosa farà questa sinistra se riuscirà a vincere le elezioni? Toglierà davvero di mezzo tutte le leggi infami e ad personam fatte da Berlusconi in questi anni? – perché lui ci fa ridere, ma ce lo fa anche pagare lo spettacolo – o sotto sotto, come per la legge sulle pensioni, si fregherà le mani perché l’arcorense gli ha tolto di mano la patata bollente?
Vedremo se la sinistra saprà subito abrogare le leggi che hanno distrutto lo stato sociale (pensioni, riforme scolastiche, sindacali…), se saprà esercitare il controllo dei prezzi per il riequilibrio lira-euro, realizzare contratti di lavoro più orizzontali, eliminare il regime dei burocrati nel pubblico impiego e livellare i salari e le indennità anzi più salario, meno indennità -, potenziare le garanzie per i cittadini, approvare una severa legge anti trust e contro la concentrazione di capitali e ricchezze, per la distribuzione della ricchezza e non della povertà, come accade ora.
Sarebbe tempo di un nuovo sessantotto! FACCIAMOLO!
Riferimenti: basta con la distribuzione di povertà!

Scritto da: indian
Ultima modifica: 23 Mag 2013 @ 02:16 PM

EmailPermalinkCommenti (47)
Tags
Tag: , ,
Categorie: politica
 10 Lug 2005 @ 2:56 AM 


Arzachena (Ar Zarkawi) Luglio 2005
Dal giardino della sua villa a Porto Rotondo dotata di ingresso con grotta via mare, dopo aver pranzato con l’Aga Khan cui ha raccontato la barzelletta di Bossi che fa la pipì, Berlusconi ha fatto un’ultima dichiarazione sugli attentati di Londra:
“Occorre reagire al terrorismo con la dovuta determinazione, per questo ho già pensato ad alcuni provvedimenti, come il monitoraggio a tappeto delle case degli italiani… bisogna avere pazienza, i tempi lo esigono… farò controllare dall’esercito tutti gli obiettivi sensibili… se necessario ci armeremo fino ai denti e passeremo dalla difesa all’attacco… se proprio vogliono instaureremo anche noi la repubblica islamica e li attaccheremo con kamikaze. Ho pensato anche, mentre passeggiavo in giardino, che è il caso di istituire un ministero per il terrorismo, dove vedrei bene Calderoli o La Russa, ma anche Er Pecora non sarebe male…”

n.d.t.: DI NARAT AMIKULU A BLAIR!
(quest’ultima frase per essere capita necessita di traduzione semantica dal sardo, quella letterale non renderebbe)
Riferimenti: KAMIKAZE

Scritto da: indian
Ultima modifica: 23 Mag 2013 @ 02:03 PM

EmailPermalinkCommenti (9)
Tags
 06 Giu 2005 @ 1:19 AM 

Il 12 o il 13 giugno prossimi andrò sicuramente a votare, avrò un sacco di possibilità: votare SI, votare NO, votare scheda bianca, annullare la scheda con qualche bel messaggio, magari diretto all’arcorese Silvio; non vi sembra una buona idea? un’occasione per dire al Megalomane cosa i cittadini pensano di lui…
Dai, mettete in moto la vostra fantasia e se avete dei dubbi, come me, ad esempio, sulla fecondazione eterologa… lanciate il vostro messaggio…!
Rutelli? Beh, evidentemente non può condividere più niente con Pannella, visto che quando Marco va a sinistra, lui va a destra… che carriera ragazzi! ma dove vorrà finire!? tra le braccia di Andreotti?
Comunque, dicevo, io a votare ci andrò; ho tanti dubbi assolutamente personali, mi aiutate a superarli? Aspetto tanti commenti…

Riferimenti: diamo un’altra lezione a Berlusca: votiamo i referendum

Scritto da: indian
Ultima modifica: 04 Giu 2013 @ 10:52 AM

EmailPermalinkCommenti (4)
Tags
 18 Apr 2005 @ 9:52 PM 

Ognuno ha la frase celebre che si merita! Ad esempio, un uomo mite e modesto come Karol Wojtyla ne ha pronunciato tante, che so “Se sbaglio, mi corriggerete!”. Ma c’è gente lontana anni luce dal Papa Giovanni Paolo II, che è molto meno modesta, anzi spaccona, megalomane, mitomane, ad libitum, come il sig. Berlusconi, che di frase celebre ne ha pronunciato una qualche giorno fa: NON VI LIBERERETE COSI’ FACILMENTE DI ME!
Detto, fatto!
Oltre che cocciuto, prepotente (per usare un eufemismo), come ha fatto tante altre volte per salvare la poltrona, questa volta non si sa cosa abbia svenduto a Follini per non farlo cadere.
Intanto la gente insiste a mandare segnali: Basilicata, Pavia, Mantova… continuano a passare alla sinistra… A Venezia sono addirittura al ballottaggio due candidati progressisti…
E’ proprio in questa situazione che occore tenere gli occhi aperti e VIGILARE, perchè questa minavagante da Arcore farà carte false per non mollare il potere e continuare a fare i suoi sporchi interessi alle spalle del popolo.

Riferimenti: ABBATTIAMO IL MURO DI BERLUSCONI!!!

Scritto da: indian
Ultima modifica: 03 Giu 2013 @ 06:16 PM

EmailPermalinkCommenti (2)
Tags
 04 Apr 2005 @ 11:56 PM 

PITICA SA BATOSTA!!!

Di sinistra non ce n’è più tanta in Italia, infatti si parla di centro-sinistra e la rondine Bertinotti, con qualcun altro, non fa primavera…
Però, ragazzi, la RITIRATA SU TUTTO IL FRONTE del Berlusca e i suo accoliti è una soddisfazione non da poco…
Oggi sicuramente starà maledicendo gli italiani… un suo scagnozzo ha addirittura addebitato la sconfitta alla morte del Papa… VERGOGNOSO!
… Qualcuno ieri diceva che il muro di Berlino è crollato da tempo… Benissimo! E’ ora di buttar giù altri muri, compreso quello che Berlusconi ha fatto costruire in Costa Smeralda… (continuate voi che vado a cena…)

Riferimenti: berlusconi va a condurre Zelig!

Scritto da: indian
Ultima modifica: 03 Giu 2013 @ 04:49 PM

EmailPermalinkCommenti (1)
Tags

 Successivi 50 articoli
Cambia tema...
  • Utenti » 64694
  • Articoli/Pagine » 167
  • Commenti » 2,376
Cambia tema...
  • VoidVoid « Template standard
  • VitaVita
  • TerraTerra
  • VentoVento
  • AcquaAcqua
  • FuocoFuoco
  • LeggeroLeggero

Rivoluzionari in sottana



    Nessuna sottopagina.

Fotoalbum



    Nessuna sottopagina.